Crea sito
Impianti fotovoltaici
Tariffe incentivanti in base ai diversi tipi di integrazione

    

Il Nuovo Conto Energia punta a favorire lo sviluppo del fotovoltaico con l’erogazione di incentivi per gli impianti fotovoltaici collegati alla rete elettrica.

 Questi incentivi al fotovoltaico dipendono dalla quantità di energia solare prodotta dall’impianto fotovoltaico e dalla tariffa incentivante spettante a quel determinato impianto. L’incentivo dipende quindi dalle dimensioni dell’impianto (si hanno 3 scaglioni di potenza) e dal tipo di integrazione (impianti non integrati, parzialmente integrati, architettonicamente integrati).
  
Il Nuovo Conto Energia prevede nuove tariffe incentivanti, ridotte del 2% rispetto alle tariffe del 2008, per gli impianti che entreranno in funzione nel 2009.
Quindi, gli incentivi fotovoltaici che saranno erogati per gli impianti collegati alla rete elettrica nell’anno 2007 o 2008 verranno calcolati partendo dalle seguenti tariffe incentivanti (incentivi fotovoltaici 2007 o 2008):
 
  POTENZA   

IMPIANTI
NON INTEGRATI

incentivo 2007
incentivo 2008

IMPIANTI
PARZ. INTEGRATI

incentivo 2007
incentivo 2008

IMPIANTI
INTEGRATI  

incentivo 2007
incentivo 2008

da 1 a 3
0,40
0,44 0,49
da 3 a 20 0,38
0,42
0,46
oltre i 20 0,36 0,40 0,44

  
Gli incentivi fotovoltaici che saranno erogati per gli impianti collegati alla rete elettrica nell’anno 2009 verranno calcolati partendo dalle seguenti tariffe incentivanti (incentivi fotovoltaici 2009):
   
POTENZA   

IMPIANTI
NON INTEGRATI

incentivo 2009

IMPIANTI
PARZ. INTEGRATI

incentivo 2009

IMPIANTI
INTEGRATI  

incentivo 2009

da 1 a 3
0,392
0,431 0,480
da 3 a 20 0,372
0,412
0,451
oltre i 20 0,353 0,392 0,431
      
Gli incentivi fotovoltaici che saranno erogati per gli impianti collegati alla rete elettrica nell’anno 2010 verranno calcolati partendo dalle seguenti tariffe incentivanti (incentivi fotovoltaici 2010):
    
  POTENZA  

IMPIANTI
NON INTEGRATI

incentivo 2010

IMPIANTI
PARZ. INTEGRATI

incentivo 2010

IMPIANTI
INTEGRATI

incentivo 2010

da 1 a 3
0,384
0,422 0,470
da 3 a 20 0,365
0,404
0,442
oltre i 20 0,346 0,384 0,422
     
La colonna di sinistra si riferisce alla dimensione nominale dell'impianto, le colonne di destra si riferiscono all'erogazione degli incentivi (in Euro) in base all'integrazione architettonica dello stesso.

In particolare il Conto Energia (DM 19/2/2007) prevede:

1. Impianto NON (architettonicamente) integrato: è un impianto “al suolo” o,  comunque, un impianto che non soddisfa le regole (caratteristiche) successive;

2. Impianto PARZIALMENTE integrato: l'impianto i cui  moduli  sono  posizionati su elementi di arredo urbano e viario, superfici esterne degli involucri di edifici, fabbricati,  strutture  edilizie  di qualsiasi funzione e destinazione;

3. Impianto INTEGRATO architettonicamente: e' l'impianto  fotovoltaico  i  cui  moduli  sono  integrati in elementi di arredo urbano e viario, superfici  esterne  degli  involucri di edifici, fabbricati, strutture edilizie di qualsiasi funzione e destinazione (ad esempio: “Sostituzione dei materiali di rivestimento di tetti, coperture, facciate di edifici e fabbricati con moduli fotovoltaici aventi la medesima inclinazione e funzionalità architettonica della superficie rivestita”).

A questo incentivo sulla produzione (che ha la finalità di rimborsare nel tempo l’investimento effettuato) si aggiunge il valore dell’energia prodotta: questa rimane a disposizione del soggetto responsabile, che può utilizzarla, tutta o in parte, o venderla, tutta o in parte, per tutto il periodo di funzionamento dell’impianto e, quindi, anche oltre i 20 anni.

tipi di integrazioni

Casi ritenuti non idonei al riconoscimento della tariffa incentivante richiesta

Esistono casi in cui non può essere accettata la richiesta di incentivazione relativa agli impianti integrati e parzialmente integrati. Di seguito sono riportati alcuni esempi.

Interventi NON idonei al fine del riconoscimento da parte del Conto Energia dell'integrazione architettonica parziale:

1. Tetto piano
Se il tetto non è perfettamente piano il riconoscimento dell'integrazione parziale non è concesso;

2. Tetto piano con balaustra perimetrale
Se l'altezza dei moduli fv misurata da terra fino all'asse mediano degli stessi supera l'altezza della balaustra il riconoscimento dell'integrazione parziale non è concesso;

3. Barriera acustica
Se la posizione orizzontale dell'ultima fila in basso dei moduli è incongruente il riconoscimento dell'integrazione parziale non è concesso.

Inteventi NON idonei al fine del riconoscimento da parte del Conto Energia dell'integrazione architettonica totale:

1. Tetto a falda con moduli che coprono una parte della copertura (1°caso)
Se non sono stati usati elementi di raccordo tipo guaine o scossaline per coprire le discontinuità verticali e orizzontali e garantire l'impermeabilità del tetto il riconoscimento dell'integrazione totale non è concesso;

2. Tetto a falda con moduli che coprono una parte della copertura (2°caso)
Se la posizione dei moduli non rispetta la geometria della falda il riconoscimento dell'integrazione totale non è concesso. Inoltre non sarà riconosciuta nemmeno l'integrazione parziale in quanto i moduli  sporgono rispetto alla falda di copertura.




fotovoltaico

Incentivi Fotovoltaico, esempio di conto energia per fotovoltaico