IMPOSTE SUCCESSIONI


prospetto riassuntivo
presentare la successione la successione disciplina delle successioni l'asse ereditario imposte di successione prima casa moltiplicatori catastali calcolo imposte successione la voltura catastale t a r s u

visure catastali per successionevisure catastali per successionevisure catastali per successionevisure catastali per successionevisure catastali per successionevisure catastali per successionevisure catastali per successione

DA QUESTO SITO PUOI RICHIEDERE DIRETTAMENTE LE VISURE CATASTALI DA ALLEGARE ALLA SUCCESSIONE....scopri come fare!

► Successioni - ► Visure catastali - ► Ritorna alla home page


- Lo staff di architect designer bonarrigo è lieto di informarti che è attivo il nuovo forum dove potrai discutere con gli altri membri (chiedere e avere consigli) su alcune problematiche legate alla dichiarazione di successione. Se vuoi porre una tua domanda accedi al forum

Una volta che avrai avuto accesso al forum per inserire un tuo messaggio fai clik su: nuova discussione



AVVERTENZE: gli argomenti trattati andranno approfonditi dagli interessati richiedendo informazioni, presso uffici ed enti competenti. Gli argomenti trattati dovranno essere considerati esclusivamente come prime informazioni. Le informazioni sottoriportate non potranno essere prese come valide per intraprendere qualsiasi genere di azione.

IMPOSTE DI SUCCESSIONE (aggiornata alla finanziaria 2007)

Imposta di successione

L’imposta sulle successioni era stata abolita dalla legge 18 ottobre 2001, n. 383 e pertanto per tutte le successioni che si sono aperte dopo tale data e fino al 31/12/2006 questa tassa non veniva più versata.

Con l' ingresso della nuova finanziaria 2007 la tassa sulla succesisone fa nuovamente capolino. I nostri legislatori hanno puntato giustamente a colpire i grossi patrimoni. Infatti la finanziaria 2007 prevede una franchigia di 1.000.000 (un milione) di euro per succesisoni tra genitori e figli ed una franchigia di 100.000 (centomila) euro per successioni tra fratelli. La franchigia si applica ad ogni singolo erede.

Più avanti si parlerà nel dettaglio di tale nuova imposta. Vediamo ora quali sono le altre imposte da pagare.

Le altre imposte da pagare

Sono sempre valide le imposte ipotecarie e catastali rispettivamente del 2% e 1%, da applicarsi al patrimonio ereditario. Ancora vanno pagate in maniera fissa la tassa ipotecaria (35,00 euro) e imposta di bollo (58,48)

Tali imposte, (ipotecaria e catastale) andranno calcolate sul valore lordo degli immobili e dei diritti reali immobiliari caduti in successione, senza tener conto di eventuali passività gravanti sugli immobili stessi.

L’importo minimo da versare è, in ogni caso, di euro 168,00 per ogni tributo.

La dichiarazione di successione va presentata?

La dichiarazione di successione va sempre presentata, nel caso che facciano parte dell'attivo ereditario beni immobili entro dodici mesi dalla morte del de cuius.Va presentata presso l' ufficio di zona dell' agenzia delle entrate (vecchio ufficio del registro), per la registrazione.

Entro i 30 giorni successivi dalla registrazione della dichiarazione di successione, occorre inoltre presentare la richiesta di voltura degli immobili presso gli uffici del territorio (catasto)

Agevolazione prima casa

Chi eredita una casa (non di lusso) e se la stessa è per l'erede "prima casa" può avere delle agevolazioni, che consistono nel pagamento di una quota fissa (  168,00) sia per quanto riguarda limposta ipotecaria che catastale, invece del 2% e 1%.

Nel caso che l 'immobile venga ereditato da più eredi, per rientrare nelle agevolazioni di cui sopra è sufficiente che almeno uno abbia i requisiti per rientrare nelle agevolazioni.

I requisiti dell'erede per poter rientrare nell' agevolazione sono i seguenti:

- non essere titolare, esclusivo o in comunione col coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del comune dove si trova l'immobile ereditato;

- non essere titolare, neppure per quote o in comunione legale, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà, uso usufrutto abitazione o nuda proprietà, su altra casa di abitazione, acquistata, anche dal coniuge, usufruendo delle agevolazioni per l'acquisto della prima casa;

- qualora non risieda già nel comune dove è situato l'immobile oggetto dell'eredità, deve altresì impegnarsi a stabilire la residenza entro 18 mesi.

Come si presenta la dichiarazione di successione

La dichiarazione di successione va presentata all'ufficio locale delle entrate o ufficio del registro (così si chiamava prima). Può essere anche spedita a mezzo raccomandata.

Alla dichiarazione si allegano, in carta semplice:

- Visure catastali (puoi richiederle utilizzando il nostro servizio)

- Certificato di morte del de cuius o autocertificazione

- Eventuale dichiarazione sostitutiva per la richiesta di agevolazione prima casa.

- Certificato di destinazione urbanistica (per i terreni)

- prospetto della liquidazione delle imposte

- ricevuta di pagamento delle imposte

- nel caso di rinuncia all'eredità copia autentica del verbale

- nel caso di successione testata copia originale o autenticata del testamento.

Occorre inoltre procedere al pagamento in autoliquidazione con il modello F23 delle imposte ipotecarie e catastali, e l’attestato va allegato alla dichiarazione.

Dove si presenta

La dichiarazione di successione deve essere presentata, entro dodici mesi dal decesso, all’Ufficio delle Entrate nella cui circoscrizione era fissata l’ultima residenza del defunto.

Se il defunto non aveva la residenza in Italia, la denuncia di successione deve essere presentata all’ufficio finanziario nella cui circoscrizione era stata fissata l’ultima residenza italiana; se quest’ultima è sconosciuta va presentata all’ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate di “Roma 6”, sito in Roma, via Canton n. 20, CAP 00144.

Dichiarazione ici

Gli eredi e i legatari che abbiano presentato la dichiarazione di successione sono esonerati dall’obbligo della dichiarazione ai fini dell’imposta comunale sugli immobili (ICI).

Spetta, infatti, agli Uffici delle Entrate competenti a ricevere la dichiarazione di successione trasmetterne copia a ciascun Comune ove sono ubicati gli immobili.

Adesso che sappiamo queste cose iniziamo con la lettura della prima pagina e pian pianino saremmo in grado di compilare la successione senza spendere un patrimonio. Fate clik sul link che vedete sotto:

- esempi di parentela ► ► ►

- agevolazioni prima casa ► ► ►

- modello agevolazione prima casa ► ► ►

Bene! In questa breve pagina ho cercato di spiegarvi a grandi linee ciò che succede al momento della morte di una persona. Quindi abbiamo diritti e doveri da svolgere dopo la morte di un nostro parente. Se volete approffondire l' argomento fate clik su uno dei link sottostanti....via auguro una buona lettura.



Bookmark and Share

rettifiche errori catastali

chi richiederà le visure dal nostro sito potrà usufruire del servizio successioni e voltura catastale a metà prezzo! Invece dei soliti 350 euro più iva pagherai solamente 250 euro + iva. Scopri come fare facendo clik qui sopra.

Vuoi affidarci l' icarico per redigere la successione e voltura in catasto?
Contattami al 02/5982539 - 360/4645490 - email: [email protected]
Costo successione + voltura in catasto 350 euro + iva 20%.
Per altre info sui costi, modalità di pagamento e tempi fai clik qui sopra.