Crea sito

Incentivi fotovoltaico, dal GSE la Relazione delle attività del 2010

Il testo fornisce, per ciascuna Regione, l’energia prodotta e incentivata, e l’ubicazione degli impianti fotovoltaici in esercizio.

(12/08/2011)

 

Quarto Conto Energia

La pubblicazione, come indicato dal quarto Conto Energia (DM 6 agosto 2010), illustra, in forma separata ed aggregata, i principali risultati ottenuti nell’anno, riguardanti il primo ed il secondo Conto Energia.

Le attività riportate comprendono l’esame delle richieste di riconoscimento della tariffa incentivante e dell’eventuale premio abbinato all’uso efficiente dell’energia, introdotto dal secondo Conto Energia, la valutazione della documentazione relativa agli adempimenti a carico dei soggetti responsabili ammessi all’incentivazione per il primo Conto Energia; il rapporto descrive, inoltre, la gestione commerciale e amministrativa di tutti gli impianti ammessi all’incentivazione, le verifiche ispettive svolte sugli impianti e le iniziative finalizzate a diffondere le informazioni utili sul Conto Energia e le conoscenze sulla tecnologia fotovoltaica presso gli operatori ed i soggetti interessati.

Infine, nel testo sono fornite, per ciascuna Regione e Provincia autonoma, l’energia prodotta e incentivata, nonché l’ubicazione degli impianti fotovoltaici in esercizio.

I principali risultati ottenuti sono sinteticamente presentati nel documento; l’elenco completo e l’ubicazione di tutti gli impianti ammessi all’incentivazione, suddivisi tra primo Conto Energia e secondo Conto Energia, sono pubblicati, aggiornati con frequenza mensile, nell’apposita pagina del sito internet del GSE.

(12/08/2011)

TABELLA TARIFFE 2011

 

Purtroppo, ma come ci si poteva aspettare, gli incentivi fotovoltaico 2011 subiranno una riduzione ripsetto a quelli del 2010.

Fortunatamente le riduzioni previste sono graduali nel tempo in modo da lasciar tempo al mercato di adattarsi alle variazioni che causeranno tali provvedimenti. Questo conto energia prevede tutto l'arco temporale dal 2011 al 2013.

Nel 2011 vedremo un abassamento di circa il 18% frazionato però in quadrimesti:

    * 01/01/2011 --> 30/04/2011: -6%
    * 01/05/2011 --> 31/08/2011: -6%
    * 01/09/2011 --> 31/12/2011: -6%

Quindi nel 2012 e nel 2013 ci sarà un ulteriore abbassamento del 6% ad ogni inizio anno.

Tutto questo porta quindi a considera l'installazione di un nuovo impianto fotovoltaico cosa da effettuare nel più breve tempo possibile, perchè prima lo si maggiori saranno gli incentivi previsti.

Nonostante il calo degli incentivi fotovoltaico 2011, investire sul fotovoltaico, rimane comunque un'ottimo investimento e il margine di guadagno risulta comunque ottima, considerando inoltre che il costo degli impianti fotovoltaci è in costante calo e quindi l'importa da ammortizzare è sempre minore.

Oltre al calo delle tariffe incentivanti sono state anche semplificate le categorie archittettoniche che passano solamente a due: "Impianti realizzati su edifici" e "altri impianti".

Ma adesso, invece di confrontare gli incentvi con quelli passati, andiamo a vedere nella pratica la tabella con le nuove tariffe per gli incentivi sul fotovoltaico del 2011:

TABELLA TARIFFE 2011 (€/kWh)

periodo
                            01/01/2011 - 30/04/2011         01/05/2011 -  31/08/2011       01/09/2011 - 31/12/2011
potenza (kW)     su edifici               altri                  su edifici              altri                su edifici         altri
1<=P<=3               0,402                 0,362                  0,391                  0,347              0,380              0,333

3< P=20                 0,377                 0,339                  0,360                  0,322              0,342              0,304

20< P=200             0,358                 0,321                   0,341                  0,303              0,323             0,285

200< P=1000        0,355                 0,314                   0,335                  0,309              0,314              0,266

P>1000                  0,351                 0,313                   0,327                  0,289              0,302              0,264

---------------------------------------------------------------------------------------

 

 

Fotovoltaico: celle solari ultrasottili e leggere grazie al fosforene

Corso Vittorio Emanuele, 20152 Milano (MI) Italy

Fotovoltaico: approfondimenti e normative

Solare: pannelli in perovskite per rendimento energetico rapido.


La perovskite negli ultimi tempi ha rivoluzionato il panorama energetico, soprattutto nell’ambito della tecnologia solare. I pannelli solari costruiti con tale materiale hanno ancora rendimenti inferiori in termini di efficienza di conversione dell’energia, rispetto a quelli classici in silicio, anche se la tecnologia fa importanti passi ogni giorno. Per fare una valutazione globale bisogna considerare però anche l’energia impiegata per la produzione del materiale, per valutare il suo impatto ambientale dalla culla alla tomba.

Uno gruppo di scienziati della Northwestern University e dell’Argonne National Laboratory per l’U.S. Department of Energy ha portato avanti uno studio in cui hanno cercato di considerare tutti gli effetti sull’ambiente della tecnologia solare, ponendo particolare attenzione ai tempi di recupero dell’energia investita per la produzione. Lo studio è stato condotto presso il Center for Nanoscale Materials, supportato dallo statunitense DOE’s Office of Basic Energy Sciences.

I pannelli in peroskite hanno dimostrato di poter bilanciare il quantitativo di energia impiegato per la loro creazione nel tempo record di due o tre mesi, contro i due anni richiesti dai classici e più diffusi pannelli solari al silicio e comunque nel più breve tempo dimostrato da qualsiasi tecnologia solare. Questo è un fattore importantissimo da valutare, soprattutto nell’ottica di rendere i pannelli in perovskite un prodotto commercialmente diffuso.

Un’analisi completa del prodotto deve considerare però anche gli altri materiali utilizzati per la realizzazione di pannelli solari in perovskite. I ricercatori hanno considerato il ciclo di vita anche del piombo e dell’oro che vengono usati per gli elettrodi e per altre parti del dispositivo. Se il piombo può risultare tossico, l’oro ha un forte peso sull’ambiente soprattutto nella sua fase di estrazione.

La fase successiva dello studio andrà a scandagliare l’aspetto dei costi, ma prima che questa tecnologia venga immessa nel mercato bisognerà essere sicuri che ogni sua parte sia sostenibile. Se si riusciranno a sostituire i materiali che hanno un impatto troppo pesante sull’ambiente, i ricercatori affermano che i pannelli in perovskite potrebbero già entrare nel mercato entro due anni.

 

Corso Vittorio Emanuele, 20152 Milano (MI) Italy